press release

Testamento olografo: precisati i limiti alla revocaMiglioramento della prestazione energetica degli edifici: al via le nuove regoleRipartenza della Giustizia: la Fase 3Contratto d’opera con la Pa: occorre la forma scritta ad substantiamEstorsione e truffa aggravata: come distinguere le due fattispecieGiustizia: il 7 luglio riprendono le udienze della Consulta con gli avvocatiDecreto Semplificazioni: il contenuto della bozzaDita nella portiera di auto in sosta, l'assicuratore del veicolo risarcisce?Ruba su un balcone una gazza ladra: è furto in abitazioneRicorso straordinario per errore materiale o di fattoVaccinazione non obbligatoria per l’epatite A: sì all'indennizzoI marchi di forma e la valutazione del carattere distintivoAvvocati e Covid-19: test gratuiti a RomaTesto unico sulle espropriazioni per pubblica utilità 2020 in PDFCarcere ai giornalisti: la Corte costituzionale rinvia di un anno ed esorta il ParlamentoConcorso per 2133 posti da funzionario amministrativoPagamenti elettronici: dal 1° luglio al via il tax credit sulle commissioniAuto con difetto di lieve entità: consumatore può ottenere la risoluzione del contrattoAccertamento della paternità, sì ai campioni biologici reperiti dal CTUL’esperienza dell’investitore non esonera l’intermediario dagli obblighi informativiNotariato: da 25 anni la Rivista per il Notaio al passo con i tempiDecreto Giustizia: il testo coordinato pubblicato in GazzettaTribunale annulla cartella da 13 milioni di euroAvvocati cassazionisti: il diario delle prove scritteEx lavora in nero? Ha comunque diritto all’assegno divorzileCondominio: no alle detrazioni fiscali per il condomino che non paga i lavoriCodice della crisi d’impresa: entrata in vigore il 1° settembre 2021Nasce One LEGALE Experta Notaio: la nuova soluzione progettata dai notai per i notaiIllecito endofamiliare da violazione di obblighi genitoriali ha natura permanenteReazione offensiva a un'accusa ingiusta: la provocazione esclude la diffamazioneRegolarizzazione 2020: le FAQ di C.I.L.D.Legal innovation e law firm: come superare i gapFiglio nato in Italia da coppia gay con PMA: genitore non biologico non può riconoscerloIntercettazioni: no a violazione del diritto di difesa se Pm autorizza l'ascolto in ProcuraRitardo del volo: nessun rimborso al passeggero se dipende da circostanze eccezionaliAppalti: legittima l'esclusione dalla gara per l'operatore che non ha dichiarato il rinvio a giudizioMedico non dipendente dell’ospedale: quando opera la polizza a secondo rischioCodice del processo penale minorile 2020 in PDFIl "nuovo" contraddittorio preventivo: caratteristiche, limiti e applicazioneAbbassa troppo il prezzo dei prodotti? Dipendente rischia il postoApp Immuni e contenimento del coronavirus sul territorio nazionaleProcesso penale telematico: start a Napoli dal 25 giugnoMisura cautelare, piena valenza indiziaria del rilievo papillareAvvocati: modificato il Regolamento per la formazione continuaPerquisizioni nello studio legale: va preservata la riservatezza tra avvocato e clienteIl matrimonio dura poco? L’assegno va ridottoDirigente medico: rapporto di esclusività e attività libera professionaleIl delitto di naufragio nell'ambito dei reati contro la pubblica incolumitàProprietàRimborso costi attività legale: al via i contributi di Cassa Forense

 Cassazione civile, Sez. Un., 05/07/2017, n. 16601 - Sulla risarcibilità del danno punitivo contemplato dalla sentenza straniera nell'ordinamento italiano

 

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione - con riferimento ad una sentenza di delibazione della Corte di appello di Venezia relativa ad una decisione di un Tribunale americano che aveva riconosciuto la responsabilità e l'obbligo del risarcimento del danno punitivo nei confronti di una soc. americana -  hanno formulato il seguente principio di diritto:«Nel vigente ordinamento, alla responsabilità civile non è assegnato solo il compito di restaurare la sfera patrimoniale del soggetto che ha subito la lesione, poiché sono interne al sistema la funzione di deterrenza e quella sanzionatoria del responsabile civile. 

Non è quindi ontologicamente incompatibile con l’ordinamento italiano l’istituto di origine statunitense dei risarcimenti punitivi. Il riconoscimento di una sentenza straniera che contenga una pronuncia di tal genere deve però corrispondere alla condizione che essa sia stata resa nell’ordinamento straniero su basi normative che garantiscano la tipicità delle ipotesi di condanna, la prevedibilità della stessa ed i limiti quantitativi, dovendosi avere riguardo, in sede di delibazione, unicamente agli effetti dell’atto straniero e alla loro compatibilità con l’ordine pubblico»

 

area riservata

login