press release

Concorso per 1514 funzionari all'INAIL, all'INL e al Ministero del LavoroLegal Design alla Camera: una nota illustrativa per chiarire la leggeL’assicurazione deve risarcire i sinistri anche su aree privateConcorso per 2133 posti da funzionario amministrativoControllo tardivo su Scia sollecitato dal terzo: la Pa deve rispondereIllegittima la revoca di prestazioni assistenziali a condannati per mafia che scontano pena in forma alternativaRisarcimento del danno per violazione della privacy: attenzione alle attività di recupero crediti!Mediazione: la natura giuridica dell’accordo di conciliazioneDiscriminazione di genere: non sussiste l’inversione dell'onere della provaL’ergastolo ostativo: compatibilità convenzionale e costituzionaleRiforma della giustizia penale: le novitàConcorso all'Agenzia delle Dogane per 1266 postiEsonero contributivo per autonomi e professionisti: pubblicato il decretoBandi Cassa Forense: facciamo il puntoCartelle esattoriali, illegittime per il disconoscimento della spettanza di un credito di impostaGreen Pass, ristoranti e matrimoni: il DPCM 17 giugno 2021Decreto Semplificazioni e PNRR: è leggeAlbergo-ristorante e crisi da Covid19: il giudice riduce il canoneIl canone unico nei centri abitati tra regola ed eccezioneCodice del Terzo Settore in PDFRiforma del processo penale: gli emendamenti al Ddl approvati dal GovernoRegistrazione di colloquio nello studio legale: ha valore di provaDonne vittime di violenza: al via il reddito di libertàLavoratore che rivendica crediti retributivi deve provare la natura subordinata del rapportoTirocinio presso la Cassazione: pubblicato il bando per il 2021Decreto Sostegni bis: il testo coordinato pubblicato in GazzettaAccettare la restituzione dell’assegno non equivale a rinunciare al doppio della caparraConcessioni demaniali marittime: il rapporto tra diritto nazionale e diritto unionaleLa responsabilità oggettiva in informaticaIndagini bancarie: il terzo può subire gli effetti della verifica solo con il PVCRipetute istanze di accesso agli atti: è configurabile l'interruzione di pubblico servizio?Concorso a 300 posti di notaio: fissato il diario delle proveWhistleblowing: approvate le nuove Linee GuidaCorte Ue: sì all’iscrizione al sistema di assicurazione malattia dello Stato ospitantePrivacy: il vademecum del Garante per le vacanzeSindrome da Burnout: gli avvocati non ne sono immuni!Inclusività razziale tra avvocati: il deontologicamente coolLa direttiva servizi si applica anche agli avvocatiAvvocati, la competenza tecnologica diventerà un dovere deontologico?Revocata la semilibertà all'ergastolano che ottiene il reddito di cittadinanzaLa banca risarcisce l’investitore se esegue operazioni rischiose senza il suo consensoAvvocati, per l’iscrizione alla gestione separata INPS la parola passa alla ConsultaASL, piani triennali anticorruzioneConservazione dei documenti informatici: definiti i nuovi criteri per la fornitura del servizioCertificazione a fini privacy: le FAQ di Garante Privacy e AccrediaCodice del Turismo in PDFAl coordinatore per l'esecuzione compete la sola gestione del rischio interferenzialeDiffamazione a mezzo Facebook: per la condanna basta la prova logicaAvvocati cassazionisti: il bando di esame 2021Albo avvocati: no al requisito dei 5 affari annui

 Cassazione civile, Sez. Un., 05/07/2017, n. 16601 - Sulla risarcibilità del danno punitivo contemplato dalla sentenza straniera nell'ordinamento italiano

 

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione - con riferimento ad una sentenza di delibazione della Corte di appello di Venezia relativa ad una decisione di un Tribunale americano che aveva riconosciuto la responsabilità e l'obbligo del risarcimento del danno punitivo nei confronti di una soc. americana -  hanno formulato il seguente principio di diritto:«Nel vigente ordinamento, alla responsabilità civile non è assegnato solo il compito di restaurare la sfera patrimoniale del soggetto che ha subito la lesione, poiché sono interne al sistema la funzione di deterrenza e quella sanzionatoria del responsabile civile. 

Non è quindi ontologicamente incompatibile con l’ordinamento italiano l’istituto di origine statunitense dei risarcimenti punitivi. Il riconoscimento di una sentenza straniera che contenga una pronuncia di tal genere deve però corrispondere alla condizione che essa sia stata resa nell’ordinamento straniero su basi normative che garantiscano la tipicità delle ipotesi di condanna, la prevedibilità della stessa ed i limiti quantitativi, dovendosi avere riguardo, in sede di delibazione, unicamente agli effetti dell’atto straniero e alla loro compatibilità con l’ordine pubblico»

 

area riservata

login